.
Annunci online

Lapolarizzazione

forme economiche alternative

Vincenzo10

Blog letto
1 volte

I fascisti

diario 16/7/2017

Il fascista è uno che crede nella supremazia del più forte e perciò odia i deboli. 
Fin da quando il fenomeno migratorio ha cominciato a essere consistente la mentalità fascista ha cominciato le sue canzoni. Prima gli italiani. No a quelli che delinquono. Mica possiamo accoglierli tutti. Aiutiamoli a casa loro. 
Il risultato di questa propaganda è che la procedura di accoglienza è stata fatta male e la gente si è lasciata convincere che i migranti sono il Male. 
Il buon cuore degli Italiani - quello si da andarne orgogliosi – si è corrotto. 

La logica, non Salvini, ci dice che certamente, se il numero continua a crescere l’Italia dovrà pervenire a soluzioni drastiche verso i migranti . Ma anche contro l’Europa.

Comunque c’è modo e modo. 
Quello dei fascisti oggi si caratterizza per la rimozione della memoria e chi va appresso alla loro istigazione dovrebbe aprire il libro di storia e ricordare l’aggressione Italiana all'Etiopia quando furono trucidati i monaci di un intero monastero e furono usati i gas asfissianti verso uno stato riconosciuto dalla società delle nazioni. Con la scusa che loro erano schiavisti. 
Ricordare loro la canzone “Faccetta nera” e ciò che veramente ne significano le parole. Infine quel patriottismo fascista che si esprimeva con le parole “Un posto al sole per gli italiani”.



permalink | inviato da Vincenzo10 il 16/7/2017 alle 7:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


sfoglia
dicembre       
Categorie
tags
renzi partito democratico gioco bersani capitalismo
Link




La ricchezza familiare netta data dalla somma delle attività reali ( immobili, aziende e oggetti di valore) e dalle attività finanziarie ( depositi, titoli di Stato, azioni, ecc.) al netto delle passività finanziarie ( mutui e altri debiti) presenta un valore mediano ( cioè quello detenuto dalla famiglia che occupa la posizione centrale nella distribuzione della ricchezza) pari a 143.300 euro. Il 10 per cento delle famiglie più ricche possiede il 46,6 per cento della ricchezza netta familiare totale (45,7 per cento nel 2010). La quota di famiglie con ricchezza negativa è aumentata al 4,1 per cento dal 2,8 nel 2010 . La concentrazione della ricchezza misurata in base all’indice di Gini è pari al 64 per cento in aumento rispetto al passato ( era il 62,3 per cento nel 2010 e 60,7 nel 2008)
Banca d’Italia. Supplementi al Bollettino Statistico. Indagini campionarie. I bilanci delle famiglie italiane nell’anno 2012. Anno XXIV - 27 Gennaio 2014.

Andamento dell'indice di Gini secondo la Banca d'Italia

Edizioni Il Margine 2012

Fiore d'ortica

Riassetto delle scuole di specializzazione

La pagina cruciale dell'articolo di Michelson 1887

Ricordiamocelo

Una tortina per i giovani

Centrale nucleare di Latina

Ciclamino

                             
                     
                   
     

 

 

Abbazia di Fossanova

 

Generatore a effetto ruggine

Generatore cilindrico ad evaporazione

Generatore ad acqua di mare