.
Annunci online

Lapolarizzazione

forme economiche alternative

Vincenzo10

Blog letto
1 volte

Sono solo giovanotti in cerca di vita facile ha detto l’altra sera Salvini

diario 13/7/2017

"Chi lotta per la propria libertà deve essere accolto in Europa e in Francia e noi faremo la nostra parte - ha detto Macron - ma non possiamo accogliere uomini e donne che per motivi economici vogliano venire a vivere nei nostri paesi. Non ricadono negli stessi diritti e negli stessi doveri sul piano morale", ha aggiunto. "
Su questo ha proseguito il presidente francese - non cederò allo spirito di confusione imperante".

Avete capito che razza di furbastro abbiamo davanti? 
Intanto chi deve fare la distinzione, caso per caso se non l’Italia? Chi è quell’uomo con divisa che a una persona che è arrivata su un barcone deve dire: tu no perché sei economico. Un Italiano. Questo è certo. 
Poi lui il Francese accoglierà chi proviene dalle guerre e lotta per la libertà. Una esigua minoranza a cui lui darà il benvenuto. 

Sorride troppo Macron e ricorda un altro che ha cominciato a dire carognate. Perché cari amici il punto non è che a un certo punto il numero dei migranti diventa troppo e ci vorrà qualche decisione drastica, specie se l’Italia viene lasciata sola. Il punto è che la decisione viene preparata da una ideologia che demonizza i migranti, aizza la popolazione a cacciarli come fossero degli invasori e rimuove dalla memoria la dominazione coloniale di cui specie i francesi si sono avvantaggiati. Economici loro appunto quando vanno a sfruttare l’Africa. Economici tutti coloro che sono entrati, hanno sfruttato la terra africana come hanno voluto e potuto.

Quando avrebbero potuto aiutarli a casa loro, appunto.



permalink | inviato da Vincenzo10 il 13/7/2017 alle 11:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia
dicembre       
Categorie
tags
renzi partito democratico gioco bersani capitalismo
Link




La ricchezza familiare netta data dalla somma delle attività reali ( immobili, aziende e oggetti di valore) e dalle attività finanziarie ( depositi, titoli di Stato, azioni, ecc.) al netto delle passività finanziarie ( mutui e altri debiti) presenta un valore mediano ( cioè quello detenuto dalla famiglia che occupa la posizione centrale nella distribuzione della ricchezza) pari a 143.300 euro. Il 10 per cento delle famiglie più ricche possiede il 46,6 per cento della ricchezza netta familiare totale (45,7 per cento nel 2010). La quota di famiglie con ricchezza negativa è aumentata al 4,1 per cento dal 2,8 nel 2010 . La concentrazione della ricchezza misurata in base all’indice di Gini è pari al 64 per cento in aumento rispetto al passato ( era il 62,3 per cento nel 2010 e 60,7 nel 2008)
Banca d’Italia. Supplementi al Bollettino Statistico. Indagini campionarie. I bilanci delle famiglie italiane nell’anno 2012. Anno XXIV - 27 Gennaio 2014.

Andamento dell'indice di Gini secondo la Banca d'Italia

Edizioni Il Margine 2012

Fiore d'ortica

Riassetto delle scuole di specializzazione

La pagina cruciale dell'articolo di Michelson 1887

Ricordiamocelo

Una tortina per i giovani

Centrale nucleare di Latina

Ciclamino

                             
                     
                   
     

 

 

Abbazia di Fossanova

 

Generatore a effetto ruggine

Generatore cilindrico ad evaporazione

Generatore ad acqua di mare